Attività fisica in gioventù mantiene le capacità mentali in mezza etàLe attività «Cardio»: alla lista manca il Nordic Walking (clicca per ingrandire) I giovani adulti che corrono o partecipano ad altre attività di «cardio fitness» possono conservare la memoria e la capacità di pensiero in mezza età, secondo un nuovo studio pubblicato nell'edizione online del 2 Aprile 2014 di Neurology®. La mezza età è stata considerata dai 43 ai 55 anni.


"Molti studi hanno dimostrato i benefici per il cervello della buona salute del cuore", ha detto l'autore dello studio David R. Jacobs, Jr., PhD, dell'Università del Minnesota di Minneapolis. "Questo è un altro studio importante che dovrebbe ricordare ai giovani adulti i benefici per la salute del cervello derivanti delle attività di cardio fitness come la corsa, il nuoto, la bicicletta o i corsi di fitness cardio".


La forma cardiorespiratoria misura come il corpo trasporta l'ossigeno ai muscoli, e quanto i muscoli sono in grado di assorbire l'ossigeno durante l'esercizio.


Per lo studio, 2.747 persone sane con un'età media di 25 anni si sono sottoposte a test sul tapis roulant il primo anno di studio e poi di nuovo 20 anni dopo. I test cognitivi eseguiti 25 anni dopo l'inizio dello studio hanno misurato la memoria verbale, la velocità psicomotoria (il rapporto tra capacità di pensiero e movimento fisico) e la funzione esecutiva.


Per la prova sul tapis roulant, simile ad un test di stress cardiovascolare, i partecipanti camminavano o correvano ad velocità e inclinazione crescente fino a che non potevano continuare o avevano dei sintomi tipo la mancanza di respiro. Al primo test, i partecipanti hanno resistito in media 10 minuti sul tapis roulant. Vent'anni dopo, quel numero è diminuito di una media di 2,9 minuti. Per ogni ulteriore minuto completato sul tapis roulant alla prima prova, le persone hanno ricordato correttamente 0,12 parole in più nel test di memoria di 15 parole e hanno sostituito correttamente 0,92 numeri in più con simboli privi di significato nella prova di velocità psicomotoria 25 anni dopo, anche dopo l'aggiustamento fatto per altri fattori come fumo, diabete e colesterolo alto.


Le persone che hanno diminuito meno il tempo completato sul tapis roulant, 20 anni dopo avevano una maggiore probabilità di ottenere punteggi migliori sul test della funzione esecutiva, rispetto a quelli che erano calati di più. In particolare, sono riusciti ad indicare più correttamente il colore nel test Stroop (per esempio, se la parola "giallo" è scritta in verde, la risposta corretta era "verde").


"Questi cambiamenti sono significativi, e anche se possono apparire modesti, sono maggiori dell'effetto di un anno di invecchiamento", ha detto Jacobs. "Altri studi su individui più anziani hanno mostrato che questi test sono tra i più forti predittori dello sviluppo di demenza in futuro. Uno studio ha mostrato che ogni parola aggiuntiva ricordata nel test di memoria è associata con una riduzione del 18 per cento del rischio di sviluppare demenza dopo 10 anni".


"Questi risultati possono aiutarci ad identificare prima, e di conseguenza prevenire o trattare, quelli con un rischio alto di sviluppare demenza", ha detto Jacobs. Lo studio è stato finanziato dal National Heart, Lung, and Blood Institute e dal National Institute on Aging.

 

 

 

 

 


Fonte:  American Academy of Neurology (AAN)(> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  N. Zhu, D. R. Jacobs, P. J. Schreiner, K. Yaffe, N. Bryan, L. J. Launer, R. A. Whitmer, S. Sidney, E. Demerath, W. Thomas, C. Bouchard, K. He, J. Reis, B. Sternfeld. Cardiorespiratory fitness and cognitive function in middle age: The CARDIA Study. Neurology, 2014; DOI: 10.1212/WNL.0000000000000310

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Freewalker Team asd. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

 

Designed with by jakubskowronski.com