Cammino giornaliero di soli 3 km può ridurre il rischio di ospedalizzazione per problemi respiratoriUna nuova ricerca, publicata in Respirology, dimostra che chi soffre di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) può ridurre il rischio di essere ricoverato in ospedale con gravi attacchi, se mantiene un regime di esercizio di cammino di almeno 3/6 km al giorno.


La BPCO, un termine che comprende la bronchite cronica e l'enfisema, si traduce in difficoltà di respirazione a causa dei danni ai polmoni a lungo termine. I sintomi più gravi, causati da una perdita improvvisa della funzione polmonare, possono mettere in pericolo di vita.


543 pazienti con BPCO sono stati reclutati in cinque cliniche respiratorie spagnole e ne sono stati calcolati i livelli di esercizio sulla base della distanza camminata per settimana. Questa informazione è stato confrontata con i dati di ospedalizzazione prelevati dal database dell'Ospedale Galdakao-Usansolo di Bilbao.


I risultati dimostrano che i pazienti con BPCO che hanno mantenuto livelli moderati o elevati di esercizio nel tempo, che possono essere anche di bassa intensità (come camminare per almeno 3-6 km al giorno), hanno avuto una minore probabilità di essere ricoverati in ospedale per sintomi gravi.


Al contrario, i pazienti che hanno mantenuto un livello insufficiente di attività fisica, o che hanno ridotto l'esercizio nel corso del tempo, hanno avuto più probabilità di sperimentare un aumento significativo del tasso di ospedalizzazione con sintomi esacerbati.


"I pazienti con BPCO hanno meno probabilità di impegnarsi in una regolare attività fisica rispetto agli individui sani. Tuttavia, l'esercizio fisico regolare è associato ad un rischio ridotto di ospedalizzazione per BPCO aggravato e di mortalità tra i pazienti con BPCO", ha detto il Dott. Cristóbal Esteban."Infatti, un livello anche basso di attività fisica, come camminare un minimo di 2 ore alla settimana, è associato ad un rischio ridotto di ospedalizzazione per BPCO aggravato".

 

 

 

 


Fonte: Wiley (>English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Cristóbal Esteban, Inmaculada Arostegui, Myriam Aburto, Javier Moraza, José M. Quintana, Susana Aizpiri, Luis V. Basualdo, Alberto Capelastegui. Influence of changes in physical activity on frequency of hospitalization in chronic obstructive pulmonary disease. Respirology, 2014; DOI: 10.1111/resp.12239

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Freewalker Team asd. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.