Camminare è 'il fattore più importante per prevenire la demenza'La ricerca ci suggerisce che un caso su tre di demenza potrebbe essere prevenuto da un aumento del livello di attività fisica, da una riduzione del fumo e dalla cura dei problemi di salute come l'obesità e il diabete.


Il mese scorso uno studio fondamentale della Cambridge University ha suggerito che solo un'ora di esercizio fisico alla settimana può ridurre il rischio di Alzheimer di quasi la metà.


Ma un sondaggio «YouGov» su oltre 2.000 persone commissionato dall'Alzheimer's Society (GB) ha trovato che il 22 per cento delle persone non crede che sia possibile ridurre il rischio di demenza. L'organizzazione no-profit ha dichiarato che "5 semplici modifiche" allo stile di vita medio potrebbe avere una differenza significativa, e un regolare esercizio fisico si è evidenziato come il fattore più importante. Inoltre, gli esperti hanno detto che non fumare, seguire una "dieta mediterranea", prevenire o controllare altri problemi di salute, e impegnare regolarmente il cervello è cruciale per ridurre il rischio di demenza.


Nel mese di luglio uno studio pubblicato su Lancet Neurology - il primo di quantificare l'impatto combinato dei fattori di stile di vita che influenzano la demenza - ha identificato l'esercizio come la protezione più significativa contro la condizione. Coloro che non hanno raggiunto le tre sessioni da 20 minuti di attività fisica intensa alla settimana, come la corsa o il calcio, o cinque sessioni di 30 minuti di attività moderata, come il cammino, avevano l'82 per cento in più di probabilità di sviluppare la demenza in seguito.


L'obesità nella mezza età aumenta i rischi di condizioni come l'Alzheimer del 60 per cento, mentre l'alta pressione sanguigna alza la minaccia del 61 per cento, secondo l'analisi. L'Alzheimer's Society (AS) ha dichiarato che mangiare i cibi giusti è importante, raccomandando una "dieta mediterranea", con abbondanza di frutta e verdura, pesce, olio d'oliva e noci, un po' di vino rosso e poca carne o latticini.


Gli scienziati credono anche che sfidare il cervello regolarmente - per esempio acquisire un nuovo hobby, apprendere un'altra lingua o anche camminare su un percorso sconosciuto - può contribuire a scongiurare la demenza. L'AS dice che non ci sono prove che il cervello sia preservato da puzzle e cruciverba, ma apprendere nuove competenze e muoversi tra nuovi problemi o aree geografiche sembra avere un impatto sulla demenza.


Il fumo, che danneggia i vasi sanguigni e la quantità di sangue che raggiunge il cervello, aumenta significativamente il rischio di sviluppare la malattia. Anche altri problemi di salute, come il diabete di tipo 2 e la pressione alta, aumentano i rischi di demenza. L'AS ha esortato le persone con un rischio per una di queste condizioni di sottoporsi a controlli e seguire il consiglio del medico.


Il dottor Clare Walton dall'Alzheimer's Society ha detto: "Circa 800.000 persone nel Regno Unito hanno una forma di demenza, ma, mancando una cura, abbiamo bisogno di uno sforzo significativo della sanità pubblica per cercare di ridurre il numero di casi futuri della condizione. Sappiamo che ciò che fa bene per il cuore fa bene per la testa e ci sono cose semplici da iniziare a fare oggi per ridurre il rischio di sviluppare demenza. L'esercizio fisico regolare è un buon punto di partenza così come evitare di fumare e seguire una dieta mediterranea. Non è mai troppo presto per iniziare a fare scelte più sane che potrebbero aiutare la memoria; sia che si tratti di andare in palestra o semplicemente camminare invece di prendere l'autobus, tutto aiuta".

 

Cinque consigli per ridurre il rischio di sviluppare una demenza, dall'Alzheimer's Society:

  1. Esercizio - Ci sono altre prove che l'esercizio fisico regolare previene la demenza più di qualsiasi altra misura che potremmo prendere. Gli scienziati non sanno esattamente perché, ma forse é perché riduce la pressione sanguigna, controlla il colesterolo, migliora la salute dei vasi sanguigni e mantiene basso il peso.

  2. Mangiare cibo Mediterraneo - Mangiare molta frutta e verdura, pesce, olio d'oliva e noci, un po' di vino rosso e poca carne o latticini. "Non sappiamo quale fattore è più importante", spiega Clare Walton, dalla no-profit, "se è la frutta e verdura, gli omega-3 dal pesce azzurro, il basso livello di zucchero, i tannini del vino rosso o il fatto che si ottiene il grasso dall'olio di oliva, pesce e noci, piuttosto che da latte e carne rossa".

  3. Gestire le altre condizioni di salute - Altre condizioni come il diabete di tipo 2 e la pressione alta aumentano il rischio di sviluppare la demenza, quindi è utile tenerle controllate e seguire il consiglio del medico per tenerle sotto controllo.

  4. Evitare di fumare - Sappiamo tutti che il fumo è estremamente dannoso e qui c'è ancora un altro motivo per smettere: aumenta significativamente il rischio di sviluppare la demenza, molto probabilmente perché danneggia i vasi sanguigni e riduce la quantità di sangue che raggiunge il cervello.

  5. Usalo o lo perdi - La filosofia che si dovrebbe usare il cervello per preservarlo facendo molta enigmistica, cruciverba e lettura ha guadagnato un'enorme popolarità negli ultimi anni, ma la prova che cruciverba o sudoku prevengano la demenza semplicemente non c'è. Gli scienziati ritengono che sfidare spesso il cervello con cose nuove sia cruciale; per esempio, acquisire un nuovo hobby, apprendere una lingua o anche camminare su un percorso sconosciuto.

 

 

 

 


Fonte:  Laura Donnelly in The Telegraph (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Freewalker Team asd. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

 

 

Strony internetowe